FANDOM


  • Nome pg: Vashtar Blake conosciuto come “Argento”
  • Razza: Kraiden
  • Divinità: Shavorak
  • Sesso: Maschio
  • Allineamento: Neutrale Malvagio
  • Età attuale : 21 anni
  • Descrizione fisica: Alto e Robusto. Pelle pallida e capelli corti bianchi-argentei. Occhi azzurri chiarissimi che si fa fatica a distinguere la pupilla. Sul tutto il corpo strani tatuaggi tribali sbiaditi che in lontananza si notano appena ma da vicino rendono l’aspetto dell’uomo molto insolito.




Vashtar era ancora molto giovane quando abbandono la sua gente, che poi più che un abbandono, fu quasi un allontanamento. Se ne dovette andare in poche parole, dovette farlo perché non era più ben accetto, o anzi non lo era mai stato. Figlio di padre ignoto, ignoto perché nessuno aveva avuto modo di vederlo, nemmeno la madre; era nato da uno stupro avvenuto nelle fitte boscaglie di Kryvelann in una notte di Luna vuota. La madre si trovava insieme ad altre persone su di una carovana di ritorno da un viaggio ai fini commerciali, ma durante la notte furono attaccati non appena l’oscurità si fece fitta……non ci furono sopravvissuti a parte la madre , che riuscì a tornare al villaggio in uno stato confusionale in cui non ricordava nulla dell’avvenuto.

Nove mesi dopo però nacque da questa donna un bambino dall’aspetto insolito per quella gente; già la dinamica del suo concepimento lasciava perplessa la tribù, a questo si aggiunse anche che il suo aspetto con il passare degli anni diventava sempre più distante dai canoni Kraiden e quindi i suoi capelli argentei, la pelle pallida e gli occhi azzurri chiarissimi, quasi bianchi, riuscivano a intimorire anche i più valorosi guerrieri della tribù. Chiunque rimaneva spiazzato da quell’ aspetto e tutti si chiedevano di chi o cosa potesse essere figlio; addirittura nemmeno la madre riusciva a vederlo, forse soprattutto perché frutto di quel vile abuso subito.

All’età di dodici anni, come di uso nella sua tribù, fu comunque sottoposto a una serie di tatuaggi su tutto il corpo che servivano a contraddistinguere un guerriero Kraiden……ma quando qualche giorno dopo i tatuaggi fatti con una polvere nera come la pece diventarono bianchi……..allora la tribù iniziò a vedere in lui qualcosa di malvagio e demoniaco.

Così da quel giorno Vashtar si ritrovò a dover vivere tra quella gente schiva nei suoi confronti…..e a mala pena riusciva a rimediare qualcosa da mettere sotto i denti. Per sua fortuna qualche anima misericordiosa c’era….però questo non bastava e il piccolo Vashtar cresceva serbando odio nei confronti di tutti….anche di chi lo aiutava…..anzi soprattutto di chi lo aiutava perché per lui sembrava che si divertissero soltanto a prolungare la sua sofferenza!

Per lui comunque erano tutti uguali……erano tutti così diversi da lui.

Così ì dopo qualche anno, quando diventò grande abbastanza, decise di andarsene da quella che doveva essere la sua gente….ma che di fatto non lo era; se ne andò così come era arrivato… in una notte di luna vuota…..tuttavia il cielo era luminoso….era illuminato dall’odio di un ragazzo emarginato che aveva sfogato la sua vendetta bruciando il villaggio.

Dopo aver distrutto il villaggio e aver ucciso così molte persone della sua gente tra cui la madre riuscì a raggiungere dopo giorni di cammino la città di Aequitalas. Qui si presento come un ragazzino senza nome diceva di non ricordarselo, il suo dopo tutto non poteva più usarlo, era meglio se la sua gente lo credesse morto. Dopo qualche tempo passato ad elemosinare qua e la riuscì a trovare un lavoro come scudiere alle dipendenze di una nobile famiglia locale. Il vecchio Nobile che lo aveva assunto lo designo per fare da scudiere al suo unico giovane figlio. I due avevano entrambi 15 e il giovane “Argento” ,così lo chiamava il giovane nobile( che anche se lo usava per prenderlo in giro fini per piacere a Vashtar), face da schiavetto a quel rampollo per circa tre anni e man mano che il tempo passava iniziava ad odiare sempre di più il giovane padrone .

Inizio a pensare in ogni momento della giornata a come potersi vendicare di quella ingiustizia, uno tanto fortunato e l’altro altrettanto sfortunato.

Un giorno però gli si paro davanti la soluzione del suo problema: infatti una sera quando era di ritorno alla baracca dove viveva, vide poco lontano da casa sua che delle guardie cittadine avevano ucciso un goblin, probabilmente un esploratore visto che vagava da solo. Allora li venne un idea e appena le guardie si allontanarono raggiunse il cadavere del piccolo ominide e prese il suo arco e le sue frecce……poi le porto e nascose in una radura in cui il suo padrone era solito cavalcare. L’indomani tutto si svolse secondo i piani e il giovane nobile volle uscire a cavallo e scelse proprio di andare in quella radura; Argento come al solito lo dovette seguire di corsa ma, appena arrivò a destinazione, inizio a mettere in moto il suo diabolico piano.

Con la scusa di essere affaticato per la lunga corsa , si allontano e si mise all’ombra degli alberi come per riposare…….invece proprio li dietro c’era l’arco e le frecce di fattura goblin; Argento stava seduto all’ombra di un ampio pioppo e sotto il mantello nascondeva l’arco con la freccia già incoccata; così quando il giovane nobile preoccupato per il suo scudiero,che credeva fosse comunque un amico fidato, si avvicino a cavallo per vedere come stesse…..il giovane argento con un movimento veloce tiro fuori l’arco e con una freddezza indescrivibile scocco una freccia dritta nel collo del proprio padrone, che cadde al suolo disarcionato dal cavallo. Velocemente Argento butto l’arco e le frecce in una buca precedentemente preparata e coprì il tutto con terra e foglie….poi prese il corpo del giovane in fin di vita e lo lancio sul cavallo….successivamente con calma ci salì anche lui e si avviò verso la città. Arrivato nei pressi del cancello inizio a galoppare e controllando se il nobile fosse morto, e lo era, arrivato al cancello raccontò alle guardie che il giovane era stato colpito da una freccia……forse scagliata da un goblin. Così le guardie portarono subito il corpo del giovane al tempio……ma tuttavia i chierici non fecero nulla. Argento infatti aveva calcolato tutto……con la morte del padre del giovane, avvenuta qualche mese prima, il rampollo aveva ereditato tutto……ma con la morte anche del giovane ereditario……sarebbe andato tutto allo zio del giovane che come 2° genito li sarebbero spettati di diritto i possedimenti di famiglia. Il malvagio zio, come prospettato da Argento, infatti colse al volo l’occasione e non perse tempo a seppellire il defunto nipote. Successivamente lo zio diede perfino ad Argento un compenso per aver comunque cercato di salvare il giovane nipote; con quei soldi Argento, che era rimasto comunque senza lavoro, decise di comprarsi un arma e un armatura e di partire all’avventura.

Partì con il sogno di trovare qualcuno simile a lui e non sempre così diverso.

Partì sperando un giorno di scoprire chi fosse suo padre….però…..non per trovare lui….ma per trovare se stesso.


Ora è schivo contro chiunque e solitamente accenta di rado compagnia o aiuto, si sente incompreso da tutti e questo lo spinge a portare odio verso chiunque incontri. Solo in alcuni casi riesce a fidarsi degli altri….magari per raggiungere scopi simili…..comunque non si fa scrupoli a tradire il prossimo se questa si dimostra una scelta conveniente.




nota 1: Durante gli anni passati ad Aequitalas Argento ha letto e sentito alcune cose sulla divinità Shavorak. Queste poche nozioni bastano ad attirare il giovane verso questa fede. Oltrettutto più recentemente ha conosciuto un Nobile di nome Therion che sembra sapere molte cose su questa divinità e che ha promesso di renderlo partecipe delle sue conoscenze.



nota 2.per chi fosse il padre lascio magari libera scelta a voi DM in caso qualcuno volesse utilizzare questa parentela ignota come spunto per qualche quest……magari proprio per quella per la cdp di Guardia Nera

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale