FANDOM


Tutto ebbe inizio in una casa a Tempest, una donna urlava.. un uomo passeggiava su e giù per il corridoio, e fuori un sole enorme e caldo.. e il mare tranquillo e splendente...

-Che gli dei ci aiutino...

Ripeteva l'uomo, poi le urla smisero.. un momento.. il cuore si fermo.. poi al sentire il gemito esplose di felicità..

-E' nato!! è natoooo!!!!!

Entro prese il bambino e iniziò ad abbracciarlo, lo portò subito sulla spiaggia, e lo bagnò nel mare.. un battesimo..

-Il mare è il nostro mondo.. e a lui devo mostrare la tua vita... mio piccolo Tristano

Il piccolino iniziò a crescere, passarono gli anni, tra pescate e storie su eroi e pirati, la madre sempre molto dolce lo accudiva molto bene. Il padre gli insegnò i primi rudimenti della spada, i segreti del mare... e a età debita il miracoloso Rum. Gli anni continuarono, il piccolo si scontro come tutti i giovani con le gioie e i dolori della vita, come viaggi lontani da casa su una barca di pescatori, compagni morti e amori non corrisposti. A 19 anni iniziò a disubbidire ai genitori, litigare con il padre e a ubriacarsi nelle locande e a prendersi sbandate per donne tra rum e piccoli furti. Passava il tempo tra locanda e mare, chiaccherando con i suoi coetanei sulle bellezze del mondo, sulle gloriose città del continente e del giorno in cui avrebberò lasciato le loro case. A Tristano l'idea non piaceva molto, non volevo lasciare i propri genitori e per questo aveva idea di non muoversi dall'isola. I suoi coetanei cosi presero il largo mentre lui rimase a terra.

-Non ho proprio intenzione di andarmene.. mai...

Cosi dicendo tornò a casa dove lo attese il padre..

-Figlio è vero che hai intenzione di rimanere qui per sempre?

-Si padre... qui ho tutto...

-Stupido! sei giovane devi girare il mondo divertirti!

Tristano guardò la madre

-Madre tu non vuoi che io..

la madre lo guardò e disse

-Figlio... è giusto che tu parta... non puoi e non devi rimanere chiuso in questa isola.. non puoi sprecare cosi la tua vita...

-Ma... madre.. io...

Li guardò.. capii che lo stavano cacciando..

-Va bene...

Il giorno dopo si imbarco per il continente a malincuore...

Il viaggio fu lungo, vide le città.. o meglio Solaria e la sua capitale Goldenaar, dove non correva rischi.

Li ebbe litigi con le guardie, coinvolto in risse in locanda, e ridotto a vivere e dormire in foreste.. sotto la luce delle stelle e della luna.

All'inizio detestava tutto ciò, ma poi pian piano inizio ad assaporare il gusto di quella vita, sempre azione senza mai fermarsi.. incontrare gente e razze nuove.. quella vita iniziò a piacergli.

Tornato sull'isola racconto tutto ai genitori, di ogni cosa ne faceva poema, mostrando il suo interesse a scoprirne sempre più.

La sera del suo ritorno il padre lo porto sulla riva e gli disse

-Come ben sai su quest'isola sono quasi tutti pirati.. valorosi indomiti.. è la nostra natura legata al mare nel bene o nel male.. clandestini della nave chiamata mondo.. clandestini che cercan di sopravvivere in ogni modo.. che van sopra e sotto tutto.. capaci di vendere sabbia nei deserti e neve sulle montagne innevate.. sempre sopravvissuti.. sempre pieni di vita e di ottimismo anche nelle situazioni più disperate. E sai qual'è il nostro segreto?

-No padre...

-La ciurma figliolo.. siam cosi coraggiosi e forti non perchè abbiam magie o qualità straordinarie.. ma perchè ci fidiamo della lama del nostro compagno.. perchè non ci tradiamo.. perchè la nostra unione simile a una famiglia ci ha permesso di vivere sempre..

-Ma.. padre mi sembra che i pirati di oggi sian diversi...

-Si e questo perchè ogni ciurma ha le sue regole.. in quella dove ero io si ragionava cosi.. tieni *gli diede un libro* qui ci sono le nostre vite e regole.. io sono l'ultimo almeno cosi credo.. lo dono a te mio erede.. perchè finche ci sarà uno solo di noi ci sarà speranza...

Tristano iniziò subito a leggere, stette tutta la notte a leggere quel codice, le avventure scritte.. i combattimenti e i momenti di gioia.. e si addormentò con il libro sul petto

la mattina dopo andò dal padre

-Padre.. sarò un pirata! non so se potrò avere una ciurma ma ci proverò.. vivrò secondo il codice.. mi farò dei compagni e formeremo un gruppo invincibile.. e di fiducia.. una ciurma di amici.. c'è la metterò tutta!!!

-Bravo piccolo mio

disse la madre, e il padre

-Allora vai.. e fai del tuo meglio.. noi ti aspetteremo qui.. forse lasceremo quest'isola ma faremo in modo di farti sapere sempre dove siamo... hai la tua famiglia ora e sempre!

Tristano prese la sua borsa, una spada e si nascose su una barca con la sua utopia da compagna.. e partì verso Equilandria sotto il sole e sopra il mare che lo aveva visto nascere...

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale