FANDOM


Cronologia3


"Il potente drow raccolse il libro che aveva appena chiuso e levitò verso la sua mastodontica libreria. Posò il libro e vagò fra i titoli, fino a soffermarsi su un opera che aveva la struttura simile a quello che aveva appena finito di sfogliare, ma si trovava in posizione opposta ad esso, apparentemente senza un ordine sensato.

Questa cronologia narrava gli avvenimenti che riguardavano la sua città: Sharess'Theyl

L'attuale dimora, avrebbe precisato un altro. Un mortale. "



-400

La somma sacerdotessa Laronal Theyl, Matrona Madre del Casato Theyl, per volere della stessa Regina Ragno guida il suo e altri 7 casati fino a una grande caverna, un vecchio calderone di un vulcano, circondata da un intricato complesso di stalagtiti e stalagmiti e affacciata a un enorme lago sotterraneo. Qui fondano la città di Sharass’Theyl, strutturata secondo il volere della Madre di Tutti i Drow. I drow non sono gli unici a popolare questa perla di oscura bellezza, infatti anche alcuni clan commerciali Duergar risiedono in questo antro vulcanico. I due popoli stipulano un patto di non belligeranza e contemporaneamente creano un bazar al centro della grotta in cui scambiarsi mercanzie di ogni tipo: da armi a mercenari passando per oggetti incantati di inestimabile valore.


-208

A Sharass’Theyl vengono completate le 3 scuole della città: Darek Aracnia, Darek Arcania e Darek Thermak, rispettivamente la scuola per sacerdotesse, per maghi e per guerrieri. In occasione diversi nemici del Popolo vengono sacrificati sui neri altari della Regina Ragno. La stessa Laronal Theyl officerà il più importante di questi riti, all’interno del tempio di Darek Aracnia, inaugurando le strutture.


-96

I coinquilini della caverna di Sharass'Theyl iniziano ad allevare di nascosto ragni cacciatori, sotto la protezione dei chierici di Laduguer. I profitti di questo mercato sono garantiti, visto che esso è monopolizzato dai nani grigi e le bestie sono fra le più versatili e facili da ammaestrare. Ovviamente gli adoratori dei ragni non sono felici di vedere il simbolo della loro dea trasformato in un animale da trasporto, motivo per cui questo tipo di allevamento si rivela molto pericoloso nel sottosuolo.


0, L'anno del "Tradimento del Ragno"

Il consiglio delle otto famiglie fondatrici di Sharess'Tehyl viene a sapere che i loro vicini Duergar allevano Ragni cacciatori. Un occasione così ghiotta per invocare il favore di Lolth e liberarsi della presenza dei Duergar non viene sprecata ed ha inizio una guerra che dura pochissimo. Decisivo si rivelò infatti il favore della Dea Ragno che permise alle sue sacerdotesse di controllare i ragni cacciatori trasformando così quella che doveva essere l'asso nella manica dei nani nella loro rovina.

00001


8

Durante l'officio dell'anniversario della cacciata dei duergar dalla loro città, proprio nel momento in cui Tyrinne Theyl, Signora della scuola clericale e primogenita del primo casato della città, ha affondato il Ragno nel cuore della più eccelsa vittima sacrificale della giornata e ne ha estratto il cuore ancora pulsante, la statua di Darek Aracnia prende le forme di una alta e bellissima elfa scura. Essa è Lolth stessa. Su Sharass'Theyl cala un silenzio magico, e a risuonare è solo una voce fredda e sensuale al tempo stesso pregna di una malvagità senza limiti. La Dea proclama i nomi delle famiglie che per lei si sono più distinte in adorazioni, macchinazioni e in battaglia fino all'anno del "Tradimento del Ragno". I primi quattro fra di essi dovranno governare la sua città, cacciare ogni forma di eresia, sconfiggere i nemici del Popolo e macchinare per assoggettare il Buioprofondo ai suoi piedi.


100

Sharass' Theyl vive un periodo di grazia. Il numero delle famiglie ora raggiunge la decina, e fra esse si è distinta particolarmente la famiglia Xion'Quae. Ad attirare l'interesse fra le sue fila rispunta come nobile acquisito la figura di Darez Umptò, a comando questa volta del più potente gruppo di guerrieri del casato, chiamati "Intooth's vress'lvelen" (artigli del drago), e sul quale iniziano a circolare le voci più strane e disparate: C’è chi dice che sia lui stesso un drago chi che sia un vampiro e chi che sia addirittura un semidio.


156

Non essendoci più nemici esterni, le famiglie si apprestano a darsi battaglia per guadagnarsi un posto nel consiglio della città. La gerarchia dei casati è:

  1. Theyl
  2. Qun'ett
  3. Mizzerd
  4. Kirr'Selk
  5. Dar'Vylath
  6. Skrenyon
  7. Vaeldrak
  8. Xion'Quae
  9. Vaeldrak
  10. Lyth'Eyl


179

Per grande gioia della Dea del Caos, la famiglia Dar'Vylath, quinto casato di Sharass'Theyl, attacca e distrugge il terzo casato, che aveva ormai perso il favore della Dea, senza lasciare testimoni. Esso viene eliminato dalla storia della città, e la Matrona Madre Dar'Vylath guadagna l'agognato posto di un seggio nel consiglio delle matrone della città.

  1. Theyl
  2. Qun'ett
  3. Kirr'Selk
  4. Dar'Vylath
  5. Skrenyon
  6. Xion Quae
  7. Kelarn
  8. Vaeldrak
  9. Lyth'Eyl


205

I Norothor di Balaan Gark organizzano una serie di attacchi ai danni della comunità illithid di Chult’Cha. Molti sono i nani a partire, incitati da pensieri revanenscisti e dai preti di Deep Duerra, alla volta dell’abisso che circonda la città illithid.


210

I nani Duergar vengono respinti, anche se con fatica. Infatti l’uso dei poteri psionici, di numerose difese e armi anti-illithid e la tenacia dei nani grigi provano profondamente le difese di Chult’Cha. Ma proprio mentre il pericolo sembrava passato, ricompare il misterioso mago e la sua gilda che già esistevano ai tempi della vecchia Jarl’Zed. I drow danno facilmente il colpo di grazia a un nemico già in ginocchio e rivendicano per loro la città di Chult’Cha, rinominandola Diyon G’Ennivalz.

00002


280

Il Casato Xion'Quae viene attaccato da un alleanza di altre due famiglie, la famiglia Dar'Vylath e quella Kelarn. Essa riesce tutta via a resistere incredibilmente, riuscendo anche a sbaraglire la famiglia Kelarn. Il casato Dar'Vylath, resosi conto del fatto che il loro attacco è destinato a fallire, e di conseguenza a suscitare l'ira del consiglio dominante, decide di fuggire ancora in forze nel buio profondo.

  1. Theyl
  2. Qun'ett
  3. Kirr'Selk
  4. Skrenyon
  5. Xion Quae
  6. Vaeldrak
  7. Lyth'Eyl


309

Una pattuglia di alunni degli ultimi anni di Darek Thermak individua alcuni gnomi del profondo, probabilmente originari di Marmorean, intenti a scavare alla ricerca di pietre preziose nel territorio drow. Avevano trovato alcuni filoni minerali molto remunerativi ma pericolosamente vicini a Sharass'Teyl. Viene organizzato un agguato ai minatori, ma gli Svirfneblin non sono impreparati a eventualità del genere e fuggono attraverso numerosi cunicoli adatti per la loro statura. Gli elfi drow, incitati a suon di frusta da alcune sacerdotesse infuriate dalla piega degli eventi fanno del loro meglio per inseguire gli gnomi, che per fortuna dei drow vengono intercettati da alcuni monaci Kuo Toa, devoti alla malvagia Madre del Mare. E' la prima volta che vengono avvistati dei Kuo Toa vicino a Sharass'Theyl. Questo evento segna l'inizio dei rapporti fra la città drow e la comunità Kuo Toa.


327

Il casato Dar'Vylath, appoggiato da un clan mercantile chiamato "Le Lucertole Dorate" comandate da un potente drow stregone di nome Bergynez Xon’Di, fonda una nuova città drow. La primogenita e unica sacerdotessa sopravissuta negli scontri per il potere Garielle Dar'Vylath la chiama Garaath Fell'k in suo onore. Essa si reputa la salvatrice della sua famiglia e questo comportamento sembra piacere alla Dea Lolth che la fa godere del suo favore. Oltre al casato Dar'Vylath verranno a far parte della città altre tre famiglie, in ordine di importanza: Kalfeyn, Mustyll e Xodeep.


434

A Sharass'Theyl nascono due nuove famiglie nobiliari: la famiglia Zaldron, la quale Madre matrona è anche una potente strega, e la famiglia Vilarth, creatasi dall'unione di un potente gruppo di mercenari sotto il vessillo di Selvatarm, dio della guerra Drow. Fra i due casati, che vanno a occupare in quell'ordine gli ultimi due gradini della gerarchia della città nasce subito dell'attrito.

  1. Theyl
  2. Qun'ett
  3. Kirr'Selk
  4. Skrenyon
  5. Xion'Quae
  6. Vaeldrak
  7. Lyth'Eyl
  8. Zaldron
  9. Vilarth


556

Il consiglio dominante di Sharass'Theyl viene a conoscenza del fatto che il casato Skrenyon venera follemente Kiaransalee, la dea drow della vendetta e della non morte. Per punire questa blasfemia la stessa Laronal Theyl ordina che tutte le sacerdotesse evochino i più potenti demoni e li scaglino contro il casato eretico. Per il consiglio dominante non vi sono sopravissuti, restano in piedi solo le rovine del casato, a ricordare il potere dell'ira di Lloth e a servire da monito a tutti gli elfi scuri. Esistono tuttavia delle voci, che asseriscono che le rovine del casato nascondano un misterioso segreto, ma nessuno sa davvero se sono soltanto sussurri o come ogni diceria contengano una parte di verità.

  1. Theyl
  2. Qun'ett
  3. Kirr'Selk
  4. Xion'Quae
  5. Vaeldrak
  6. Lyth'Eyl
  7. Zaldron
  8. Vilarth


642

Lyrianel Shekyn, una mercante specializzata nel commercio di schiavi fonda un nuovo casato. Il suo potere si basa principalmente sul numero di schiavi esorbitante di cui dispone e su Zatrax, un abilissimo mago originario di Diyon G’Ennivalz e dal passato misterioso.

  1. Theyl
  2. Qun'ett
  3. Kirr'Selk
  4. Xion'Quae
  5. Vaeldrak
  6. Lyth'Eyl
  7. Zaldron
  8. Vilarth
  9. Shekyn


769

Faeryl Dar'Vylath, primogenita di Garielle, si innamora perdutamente del mago Bergynez Xon'Di ed è da lui ricambiata. Lolth, gelosa di questo sentimento di fedeltà così puro verso un maschio inferiore, ordina alla sua sacerdotessa di sacrificare l'amante in suo nome. Faeryl si rifiuta e fugge assieme a Bergynez nel Buioprofondo. Il suo casato, che fu fondato da Liriel Dar'Vylath, soprannominata “Occhi di ragno”, colei che quasi otto secoli prima fece da guida alle otto famiglie fondatrici di Sharass'Theyl attraverso i meandri del Buioprofondo, perde il favore della Dea. Esso, famoso per l’abilità dei suoi membri, nobili compresi, di essere degli ottimi cacciatori, decide di dare la caccia alla rinnegata per riacquistare il favore della Regina Ragno.


806

Trascorrono quarant'anni, ma di Faeryl Dar'Vylath si sono perse le tracce. Il suo casato è incalzato da tutte le altre famiglie di Garaath Fell'k. Quando questi ultimi iniziano l’assedio della fortezza Dar'Vylath l’epilogo sembra scontato, ma alle disperate preghiere della Matrona Madre e delle altre sue sacerdotesse risponderà il Signore dei Ladri, Vhaeraun, che donerà gli incantesimi necessari alle sacerdotesse Varl’Zin per respingere gli attacchi delle sacerdotesse di Lolth e permettendo al casato aggredito di sopravvivere all'attacco.


811

Faeryl e Bergynez, dopo aver vagato senza meta nel Buioprofondo, del tutto ignari degli avvenimenti che avevano colpito la loro città e aver provato sulla sua pelle l’odio provato dalle altre razze verso gli elfi scuri decidono di avventurarsi sulla superfice, cercando migliore fortuna nelle lande illuminate dalla Grande Sfera di Fuoco.

00003


826

A Garaath Fell'k si è creata una situazione critica e senza precedenti. Infatti il primo casato è riuscito a resistere all'alleanza degli altri e per le consuetudini drow gli aggressori dovrebbero essere annientati per volere dal consiglio dominante. Tuttavia, avendo agito per volere della Dea ed essendo loro stessi il consiglio dominante, la legge non ha ovviamente valore. Accade così che alcuni di loro, colpiti dalla forza dimostrata dal primo casato, vedendo la vittoria da un punto di vista egoisticamente drow, interpretano la sconfitta degli aggressori come dovuta alla debolezza di Lolth, e si convertono anch'essi alla causa del Dio Mascherato.


830

Le peregrinazioni dei due drow amanti attraverso la superfice non hanno avuto esiti migliori di quelli del sottosuolo, ma proprio quando i due amanti non credono più nell’esistenza di un posto che li accetti per quello che sono, raggiungono la foresta di Smileen e nel suo cuore più profondo trovano una piccola comunità di rinnegati drow fedeli a Elistraee e dediti all’aiuto del prossimo. Subito vengono accettati e mettono le loro abilità, affinati in questi anni di vagabondaggio, a disposizione della comunità.


858

Il caos che impazza per Garaath Fell'k può essere paragonato solo a quello che potrebbero creare centinaia di demoni liberi sul piano materiale. I casati sono stati risucchiati da un vortice di faide e scontri, e il precario equilibrio che poggia alle basi della società drow ha ceduto. Ancora una volta l'ironia macabra propria dei drow darà un degno finale della sua fama a questa città. Non sarà infatti, ne il verbo della Regina dei Ragni, ne del Signore dei Ladri a prevalere, ma saranno la feccia, gli schiavi, gli iblith a rivoltarsi contro ai loro vanagloriosi padroni distruggendo i casati in una sanguinosa rivolta. Chi ha intuito in tempo l'irreversibilità degli avvenimenti ha pensato bene di fuggire, chi verso Sharass'Theyl, chi verso la misteriosa Diyon G’Ennivalz, mentre gli unici che riescono a risollevarsi da questo pantano maledetto creatosi sono le due originali famiglie dominanti. I primi, voltando le spalle a Vhaeraun per venerare Ghaunadaur, il Signore delle Fanghiglie, i secondi, trucidando le matrone e diventando demonologhi.


892

Nel Bazar e nei bassifondi di Sharass'Theyl iniziano a girare delle voci su una presunta gilda di assassini mercenari che si fa chiamare semplicemente "L'Occhio Oscuro". Si dice che arrivino direttamente da Garaath Fell'k, e che si siano spostati perchè la guerra scoppiata nella loro città natale non gli portava più nessun profitto. Si dice anche che una delle famiglie relativamente giovani e che godono del "Segno" del favore della Dea sia già entrata in contatto con questa gilda...


989

Klynestra Kirr'Selk, Madre Matrona del terzo casato di Sharess'Theyl, che godeva da ormai più di un secolo del pieno favore di Lolth, viene a sapere che il casato Qun'ett ha intenzione di minare la secolare leadership della città attaccando il casato Theyl. Allo scoccare della Morte Silenziosa sarebbe dovuto iniziare l'assedio, preceduto dall'assasinio da parte di un gruppo di sicari della signora di Darek Aracnia, Tyrinne Theyl. Tuttavia questo sicario viene corrotto da Klynestra, e al posto che uccidere l'elfa scura la paralizza soltanto portandola successivamente nella camera occupata da Shisstra Kirr'Selk, primogenita di Klynestra e insegnante di Darek Aracnia. L'assalto a casa Theyl si svolge in modo perfetto, e la famiglia viene spezzata via. Ma mai il primato di un casato durerà così poco, infatti, dopo pochi giorni Klynestra denuncerà l'azione, portando come prova la nobile figlia di casa Theyl. Per ordine del consiglio dominante il casato Qun'ett viene distrutto e la famiglia Kirr'Selk con una sola azione rimuove i due casati che si frapponevano fra lei e la vetta della gerarchia cittadina.

  1. Kirr'Selk
  2. Xion'Quae
  3. Vaeldrak
  4. Lyth'Eyl
  5. Zaldron
  6. Vilarth
  7. Shekyn


1005

Dopo un cambiamento così repentino e significativo nella gerarchia di comando di Shareess'Theyl, conseguenza dell'eliminazione dei due più potenti casati della città, la possibilità di migliorare il proprio status sociale in concomitanza con un aumento delle probabilità di riuscita iniziano a far gola a tutte le famiglie rimanenti, e di conseguenza segnano l'inizio di un intricato periodo di intrighi e cospirazioni.


1051

Tyrinne Theyl crea una nuova famiglia, chiamandola T'Zarank. Porta con se il suo nobile amante, un potente mago, e una piccola parte di guerrieri mercenari, comandati da un esperto e vetusto, ma non di meno abile, maestro d'armi di nome Massvorock. La nuova famiglia va ad occupare l'ultimo posto della gerarchia della città, sebbene sia comandato dalla primogenita dell'ormai defunto casato Theyl. Perdendo il cognome, Tyrinne perde anche il titolo di "Signora di Darek Aracnia". Ironia della sorte, il titolo passerà a Shisstra Kirr'Selk, sua nemica giurata dal tempo della notte dell'assedio del casato Theyl.


1117

Per grande gioia della Dea del Caos, e in questo caso anche di Selvatarm, la famiglia Vilarth, sesto casato di Sharass Theyl, attacca e distrugge l'odiato casato Zaldron, senza lasciare testimoni. Esso viene eliminato dalla storia della città, tuttavia la Madree Matrona strega Zaldron riesce a distrugge la sua diretta avversaria Vilarth prima di essere eliminata a sua volta dalla figlia, entrata in azione quando ormai le due Madri Matrone erano sfinite. Airynne Vilarth diventa così Madre Matrona del quinto casato di Sharass'Theyl.

  1. Kirr'Selk
  2. Xion'Quae
  3. Vaeldrak
  4. Lyth'Eyl
  5. Vilarth
  6. Shekyn
  7. T'Zarank


1188

Velathra Lith'Eyl, primogenita del casato Lith'Eyl e prima laureata di Darek Aracnia del suo corso concepisce un possente draegloth, Gorotharx. Il mezzo-demone viene interpretato come un silente cenno del favore di Lloth sul casato e sulla Somma Sacerdotessa, che infatti nello stesso anno assassina e prende il posto di sua madre al comando del suo casato.


1293

L'ambiziosa matrona Vaeldrak sembra compiere un'azione suicida attaccando il potente casato casato Xion'Quae. Infatti questa famiglia sembrava prossima a sferrare un attacco al seggio dominante del consiglio, potendo disporre di 4 Somme Sacerdotesse, di un'arcimago di tutto rispetto e sopratutto del leggendario Darez Umptò, delle sue "Intooth's vress'lvelen" e di 300 guerrieri addestrati dallo stesso misterioso ranger. Ma come spesso accade, in particolar modo nelle società drow, sarà proprio la sua forza a rivelarglisi fatale. Infatti la Matrona Irees ordisce un complotto proprio con Darez Umptò. Gran parte dei guerrieri del casato Xion'Quae e tutte le Intooth's vress'lvelen, ad assedio iniziato, volgono le loro armi contro gli altri membri del casato, e per la famiglia Vaeldrak la vittoria è facilmente raggiunta. In controparte la Matrona Madre del neo-quinto casato di Sharess'Theyl prende come arcimago del suo casato Kvaelarthanox, il luogotenente delle "Lame del drago", e dona una parte dei suoi guerrieri a Darez Umptò. Di questi non si saprà più nulla, se non che si dice sia partito con gran parte dei guerrieri Xion'Quae e una parte di quelli del casato Vaeldrak alla ricerca di una roccaforte.

  1. Kirr'Selk
  2. Vaeldrak
  3. Lyth'Eyl
  4. Vilarth
  5. Shekyn
  6. T'Zarank


1315

Ancora una volta Lolth richiede il cuore del protettore di una famiglia drow, e ancora una volta a essere colpita è Tyrinne T'Zarank. L'ex primogenita Theyl esegue la richiesta della Oscura madre, e il cuore ancora pulsante del suo amante viene posato su un suo nero altare. Tuttavia la sanità mentale della sacerdotessa è visibilmente provata da tutte queste manifestazioni sfavorevoli della dea a lei fino a poco tempo addietro favorevole. Stranamente Tyrinne inizia a sviluppare proprio in questo periodo la capacità di intercedere con i defunti e di comprendere gli spettri. Questa serie di avvenimenti negativi non colpisce però tutta la famiglia, infatti la sua unica figlia Janilla gode del pieno favore della Dea.


1340

E in questo clima particolarmente critico, fatto di casati nobiliari pronti a distruggersi l'un altro e altri a rinascere dalle proprie ceneri, in una parodia della tanto virtuosa fenice, fra le insidie del Buioprofondo e i suoi malvagi e pericolosi abitanti, giovani e vecchi elfi scuri crescono, complottano, uccidono e vengono uccisi, lottando per ciò che più rincorrono e che spetta per diritto al più forte. Il Dominio.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale