FANDOM


Banner Antiche Reliquie.jpg

"La lugubre lama fendette persino i raggi del sole mentre discendeva, volteggiando, verso il suolo.

L'affilata lama penetrò nel terreno, e le fosche iridi del teschio metallico impresso sull'elsa si appuntarono con intensità su Sypher Valiant, colui che aveva appena ucciso il suo possessore. Uno sguardo silente, imperioso. Uno sguardo che aveva gia cancellato il dominio vantato su di lei dal vecchio padrone. La sacrilega lama di Shavorak era padrona soltanto di se stessa, ed ora la gelida promessa di brandirla, la tacita ma intensa brama di impugnare l'elsa di quella nera lama avrebbe tentato lo stesso Sypher. Così come tentò il piccolo Xarag, decine di anni prima. Il cavaliere mosse un passo verso di essa, poi un altro ancora, con movimenti più decisi.

"Non prenderla, fratello... è pericolosa..."

La voce del gemello si insinuò nella sua mente. Si aprì un varco tra le lusinghe indotte dalla tetra lama. Sypher si voltò, ed il suo volto sbiancò d'improvviso.

"Potrebbe essere maledetta!"

Il piccolo Jakilar era lì alle sue spalle! La stessa età, lo stesso viso di quando profferì quelle parole la prima volta. Parole cui lui non diede conto. Quel consiglio... soltanto ora ne aveva compreso il vero significato. Se allora lo avesse seguito, i suoi passi avrebbero camminato lontano da quell'eredità di morte e violenza che chiamava passato.

Ma cosi non fu.

In quell'occasione, egli non volle dare ascolto alle premurose parole del fratello. Ed ora egli era nuovamente li. Frutto della sua mente, Jakilar era al suo fianco. Quella tenera voce a difenderlo ancora una volta. Quell'amore così forte che nessuna tentazione avrebbe potuto piegare.

Sypher sorrise nel gettare un ultimo sguardo al suo piccolo fratello... a quella piccola parte di se che non sarebbe rivissuta mai più, se non nel suo cuore.

Sorrise e si voltò. Quel suo sorriso fronteggiò la spada e la sconfisse. Con un cenno della propria mente, Ultima Speranza gli si materializzò in pugno. Rapida e mortale, la lama eterea forgiata dalla più pura speranza saettò verso la cotroparte oscura. La purezza si scontrò con la malvagità, e dall'impatto presero vita migliaia di scintille. "Avevi ragione, fratello mio..." Pensò Sypher, mentre la lama spezzata della sacrilega spada volteggiava in cielo per l'ultima volta.

"Avevi ragione." Si ripetè nuovamente, dirigendosi verso il nero bastione, mentre la guerra infuriava tutt'intorno a lui." Le Reliquie di Elkantar sono state impugnate dai grandi eroi che hanno intessuto nell'arazzo dei secoli le proprie gesta grazie all'ausilio di questi potentissimi artefatti. In alcuni rari casi però, alcuni eroi hanno reso immortali le proprie armi o armature soltanto dopo essere entrati nel mito. Che tali armi seguano o meno il fato dei loro precedenti possessori, esse adesso riposano, nel buio di un antro oscuro, nel profondo di un oceano o magari tra i tesori di un antico drago o tra la polvere di qualche cripta ammuffita.

Ed attendono un nuovo eroe, un nuovo nome che riforgi la loro leggenda...

Sottocategorie

Questa categoria contiene le 2 sottocategorie indicate di seguito, su un totale di 2.

A

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale