FANDOM


Cantore di morte.jpg

"Il vento soffia intorno a loro, e chiudendo gli occhi, per un istante in cui gli dei ti concedono il dannato privilegio della conoscenza, si può riconoscere il messaggio nascosto nel suo sussurro. Soffia, come cento anni prima e come mille anni dopo, attorno ai visi della gente. E a volte, come candele scosse dall'aria, essi si spengono, all'improvviso oppure lentamente. Per quel dannato attimo si può vedere come questi visi non siano altro che pupazzetti, mossi da un meccanismo perverso del quale si illudono possa esserci un senso.

Essi amano, gridano e corrono, eppure tutto ciò e destinato a perdersi nel vuoto che li circonda. Infine, per quell'attimo si può vedere cosa vi sia dietro quei piccoli bottoni, cuciti col filo, che chiamiamo occhi: ciascuno va incontro alla morte, marciando con ritmo costante, tutti col viso voltato all'indietro, perchè si possa sperare, sfuggire per un'istante dalla propria coscienza, e sognare. Un sogno senza senso, confuso, scandito dal ritmo frenetico che non fa pensare. Questo è ciò che chiamiamo vita.

Questo è ciò che ho deciso di non scegliere. Inverti il tuo cammino, ed apri deciso i tuoi occhi. Questa è la realtà, e non vi è altra scelta che seguirla o spezzarla al tuo volere.

Il Nero Cantico illumina i passi di colui che il proprio fato crea: non più la morte che ti aspetta alla fine del sentiero, bensì tu: la morte, fine del sentiero altrui.

Tratto da "L'Ultima Alba Lucente" Di Sergio Roncucci


Il cantore di morte è un amante della morte in quanto fine ultima di tutte le cose, è dunque purezza e certezza per qualsiasi creatura. La morte è il vero eroe sopravvissuto all'odio, alle guerre, agli ideali. Lei la vera leggenda, capace di infrangere l'immortalità, capace di piagare il tempo stesso. La nemesi della vita merita di essere adorata e descritta in ogni sua manifestazione. Merita che se ne decantino le gesta, merita il timore della gente. Il cantore di morte si occupa di vegliare su chiunque per poterne un giorno osannare la morte, spesso provocandola nei modi più astrusi e spettacolari. La morte va condita in profondità dal cantore, prima di venire assaporata. a causa dei loro terribili propositi e della loro insana adorazione, i cantori della morte vengono spesso malvisti, e talvolta alcuni tra loro divengono veri e propri maestri nella narrazione (nonchè provocazione) di morti. La vita è un teatro in perenne attesa che cali il sipario. La morte e la fremente attesa che quella fine giunga. I cantori della morte si proclameranno i suoi araldi. Questo credo tuttavia ispira in loro un senso di puro odio verso i non morti.


Prerequisiti Modifica

  • Allineamenti: Qualsiasi non buono.
  • Abilità: Diplomazia 5 gradi, Intrattenere 9 gradi, Raggirare 5 gradi.
  • Speciale: Capacità di musica bardica, canto maledetto, Volontà di ferro.


Privilegi di classe Modifica

  • Dado vita: d6
  • Punti abilità: 6 + int
  • Musica bardica: Il bardo continua a salire nella propria classe per quanto concerne i livelli da incantatore, perdendo però tutti i privilegi della musica bardica ed ottenendo i seguenti:


Poteri concessi Modifica

Cantico della Discordia: Usando il suo potere di musica bardica, al 1 livello un cantore della morte è capace di inneggiare delle note spettrali capaci di instillare in coloro che odono la sua voce un timore reverenziale per la morte che li attende. Ogni personaggio alleato, nemico o mostro che oda la musica perde -2 ai Txc, ai TS ed ai danni. Il cantore della morte guadagna +4 alla costituzione ed al carisma ed un bonus di +2 ai TS per tutta la durata dell'effetto.

Cantico dell'Effimero Istante: Usando il suo potere di musica bardica, aL 4 livello un cantore della morte aquisisce il potere di assaporare la brezza della vita in un soggetto molto più a fondo. La vittima che ode l'effimero vocìo del cantore dovrà effettuare un tiro salvezza su volontà ( cd 10 + Dv del cantore + bonus di carisma) oppure essere rallentato (come sotto l'effetto di incantesimo di lentezza) per la durata del cantico. Che la lentezza venga subita o meno, il cantore viene velocizzato per la durata del canto e guarito di 2pf per livello.

Cantico della Vita Sottratta: Usando il suo potere di musica bardica, al 6 livello il bardo può rubare ad una creatura parte della sua energia vitale grazie alle strofe della propria musica. La vittima che ode le sue lugubri note subisce 1d6 danni da energia negativa per liv di cantore di morte, mentre il cantore viene curato del medesimo numero di PF.

Inno della Fine Ultima: Usando il suo potere di musica bardica, all'8 livello il canto di un cantore della morte infligge 1d10 danni per livello a qualsiasi non-morto che lo circondi e ne oda le note.

Cantico della Morte Infranta: Al 10° livello il cantore ha valicato la soglia della morte quanto basta per poter padroneggiare la fine ultima altrui, almeno prima che essa reclami il suo potere. Per una volta al giorno le tenebrose strofe di un cantore della morte possono riportare in vita ed in piena salute uno degli alleati, anche se il PG appena resuscitato perderà poi 1d8 PF di energia negativa per turno per 10 turni. Questo potere è usato dai cantori come suggello di un trattato con la morte per salvarsi la vita facendo si che ritorni dall'aldila un alleato in difesa del cantore. Usarlo quando non si è sottoposti ad una seria minaccia (ossia usarlo al di fuori delle quest oppure quando non si è sotto l'attacco di nemici o mostri, ad esempio a combattimento finito) prevederà delle forti penalità in termini di PX per il PG che compia una tale azione.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale