FANDOM


L'interno della locanda era tranquillo quella sera, troppo tranquillo. Di solito c'erano le ragazze a strillare contro chi voleva prenderle a forza, chi rideva a squarciagola, chi giocava a dadi...ma quella sera non ci sarebbe stato nulla di tutto ciò.

un ragazzo come tanti, Brando, era seduto al bancone con in mano un bicchiere di birra pieno delle sue lacrime. Alcuni lo guardavano, altri non ci riuscivano. lo conoscevano in tanti, e quella sera nessuno aveva il coraggio di avvicinarsi...tranne il vecchio John Bone, con il coraggio di tre pinte di birra.

"ehi figliolo, non fare così..." gli battè la mano sulla spalla, ma non ottenne risposta. le lacrime erano cessate, ma nel bicchiere il giovane Brando non vedeva il suo riflesso, ma il volto dell'uomo che uccise i suoi genitori. Un pirata, uno dei Sanguinari, di cui conosce solo il volto e un tatuaggio: un osso spezzato, sulla spalla destra. Il giorno prima, l'assalto alla città di Nemesia, ha portato la morte nel suo piccolo negozio di cianfrusaglie. James e Linda, i suoi genitori sono caduti, per pochi spiccioli e qualche corda.

"ehi, Brando...Brando! hai 23 anni figliolo, non dovresti fare così, perdinci!" il vecchio John Bone copriva con un pizzico di rabbia la commozione. "Su, riprenditi. Adesso devi mandare avanti il negozio. Non sei solo, praticamente ti abbiamo cresciuto noi pescatori e questi quattro pirati falliti. Perdinci: sei un velarian!!" Brando guardò il vecchio John, poi il resto degli avventori. alcuni erano ex pirati, altri pescatori, tutta gente conosciuta, gente che gli aveva insegnato tanto.

"non ce la faccio John...non doveva andare così...quei pirati..." un'altra lacrima scese sulla sua guancia. L'oste si avvicinò e gli cambiò bicchiere. "Beviti questa e poi fila a letto, domani mando qualcuno ad aiutarti al negozio."

La notte il ragazzo non riuscì a dormire e uscì a cercare conforto tra le ombre della notte. Trovò solo la luna e il mare, e una nave pirata all'orizzonte. "Perdinci: sei un velarian", le parole del vecchio John gli giravano in testa, pesanti.

La mattina dopo, il garzone dell'oste arrivò per mettere a posto il negozio, insieme ad altri due ragazzini. Brando li vide e si recò alla locanda, avendo deciso il suo futuro.

"Jackob, voglio lasciarti il negozio!" Affermò secco.

"Cosa?!?Ma sei impazzito? e tu che farai?" rispose l'oste.

"Parto, diventerò anche io pirata, in fondo è l'unica cosa che posso fare: ho bazzicato sempre con pescatori ed ex-pirati, sono stato più sulle navi che a casa mia. non ho più niente che mi lega a Nemesia."

"Non ho come pagarti il negozio...e anche se l'avessi non lo farei! tu ti caccerai nei guai."

"Me lo pagherai a rate. tornerò ogni tanto e mi darai quel che puoi, non pretento nulla."

"Lascialo andare, è il suo destino: non vedi quella luce negli occhi? è un velarian, ce l'aveva anche suo padre." disse il vecchio John Bone.

Firmarono il contratto, Brando Neverson, fu James, anni 23.

"E questo successe tre anni fa, subito dopo mi feci tatuare un osso spezzato sull'avambraccio destro, per non dimenticare l'accaduto e per trovare il farabutto che li ha uccisi a sangue freddo."

"Brando, quindi tu adesso sei un pirata?"

"Si, mia cara, o almeno ci provo. voglio vivere libero e lottare per vivere, e trovare quel..." la ragazza gli mise una mano sulla bocca.

"basta! baciami ora, e poi andiamo via, che io non possa più vedere i tuoi neri capelli o i tuoi occhi di mare." Si baciarono, si strinsero forte. Poi scomparve tra il rumore delle onde sugli scogli.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale